Soccorritore - Croce viola Cesate

download report

Transcript Soccorritore - Croce viola Cesate

Aspetti Emozionali e
Relazionali del Soccorso
A cura di:Sabrina Rossi, Maurizio Capelli, Alessandro Teveri
Aspetti emozionali del paziente
• Il dolore fisico
• La paura
• Il suono della sirena
• L’ansia dell’attesa
Slide 2 - Ver. 2.0
Il Paziente e il “suo”
Soccorritore
Molteplici aspetti rendono il
paziente emotivamente fragile,
ricordati che esiste il
DIALOGO
Slide 3 - Ver. 2.0
Il Paziente e il “suo”
Soccorritore
• Presentati in modo professionale
• Parlagli con toni pacati (ha già abbastanza
paura)
• Tranquillizzalo
• Spiegagli ogni singola manovra prima di
compierla
• Assumi un atteggiamento calmo e sicuro
Slide 4 - Ver. 2.0
Il Soccorritore e il “suo”
Paziente
La vittima che attende fiduciosa una
figura professionale non può e non deve
essere trattata come un numero.
E’ una persona…è il “tuo” paziente
Slide 5 - Ver. 2.0
Il soccorritore e il bambino
E’ sicuramente tra i più
difficili soccorsi da gestire a livello
emozionale.
Slide 6 - Ver. 2.0
Il soccorritore e il bambino
• Avvicinati sorridente e con tono pacato
ponendoti alla sua altezza
• Cerca di diventare un compagno di giochi –
offri un giochino
• Conquista la sua fiducia
•Non far trapelare le “tue” paure
• Lascia che il papà o la mamma siano sempre al
suo fianco
Slide 7 - Ver. 2.0
Il soccorritore e l’anziano
Rispetto ad un paziente di età
media, il soccorritore deve tener
conto di ulteriori aspetti, tra i quali
la paura della morte e il pudore
Slide 8 - Ver. 2.0
Il soccorritore e l’anziano
•Presentati in modo professionale
•Parlagli con toni pacati ma a voce alta e
tranquillizzalo
• Spiegagli ogni singola manovra prima
di compierla
Slide 9 - Ver. 2.0
Il soccorritore e l’anziano
•Assumi un atteggiamento calmo e sicuro
•Nel limite del possibile e senza intralci al
soccorso consentigli il controllo sanitario da
una persona dello stesso sesso
•Non ti infastidire quando ti chiede la
vestaglia e il fazzoletto…
Slide 10 - Ver. 2.0
Il soccorritore e il malato
terminale
Il malato terminale è spesso un paziente che
“spera” di morire per porre fine alle sue
sofferenze e per non dare ulteriore “disturbo”
ai familiari.
Cosa può fare il soccorritore?
Assolutamente nulla se non ascoltare con
doveroso rispetto quanto la persona avrà voglia di
dire
Slide 11 - Ver. 2.0
Il soccorritore e il paziente
handicappato
Fatte salve le problematiche di carattere
sanitario da valutare per ogni singolo
caso, ricordati che il portatore di
handicap è un paziente come gli altri
Slide 12 - Ver. 2.0
Il soccorritore e il paziente
handicappato
• Non eseguire manovre o spostamenti senza spiegare
cosa stai facendo solo perché supponi che non capisca
•Se sei in difficoltà nel dialogo fatti aiutare dai
familiari che lo accudiscono da sempre…per loro un
gesto è una risposta
•Non assumere l’atteggiamento di chi prova pena
•Fai in modo che un paziente handicappato non ti
faccia diventare un soccorritore handicappato
Slide 13 - Ver. 2.0
Il soccorritore e il paziente
psichiatrico
• Spesso il paziente psichiatrico
NON è consenziente pertanto
viene portato con ASO o TSO
verso una struttura ospedaliera
Slide 14 - Ver. 2.0
Il soccorritore e il paziente
psichiatrico
• Può essere
pericoloso per se stesso e per gli altri
pertanto cerca di sapere prima
di intervenire chi è il tuo paziente e quale
tipo di reazione potrebbe avere
Slide 15 - Ver. 2.0
Il soccorritore e il paziente
psichiatrico
• Osservalo
• Ascoltalo con interesse attivo
• Cerca di instaurare un dialogo senza
essere invadente
• Limitati a domande pertinenti
Slide 16 - Ver. 2.0
Il soccorritore e il paziente
sotto effetto di alcool o droghe
• Paziente che potrebbe essere
lesionista e/o autolesionista
prima di relazionarti con lui
ricordati di osservare chiedere
e capire con chi hai a che fare
Slide 17 - Ver. 2.0
Il soccorritore e il paziente
sotto effetto di alcool o droghe
Non è in quel momento in grado di capire e/o
controllare le sue azioni, potrebbe quindi
passare da momenti di tranquillità a momenti
di violenza incontrollata.
Se non è nota la sua “storia”, se non è
consenziente, se hai anche un solo minimo
dubbio sulle sue reazioni
Attendi le forze dell’ordine
Slide 18 - Ver. 2.0
Figure professionali presenti
sul luogo dell’evento
Medici e/o infermieri
Forze dell’ordine
Vigili del fuoco
Autorità locali
Slide 19 - Ver. 2.0
Figure professionali presenti
sul luogo dell’evento
• Ricordati che ogni figura ha una
competenza specifica
• Relazionati e collabora
• NON sostituirti a loro
Slide 20 - Ver. 2.0
I parenti delle vittime
E’ quasi sempre sugli eventi urgenti che il
rapporto con il parente della vittima diventa
quasi inesistente e a volte anche brusco.
La fretta, la necessità di rapidità di intervento sul
paziente portano il soccorritore ad allontanare gli
astanti purtroppo, a volte, in malo modo, e tra
questi anche i familiari stretti.
Slide 21 - Ver. 2.0
I parenti delle vittime
• Sii comprensivo è il loro familiare
• Allontanali se necessario spiegando il
motivo e con toni pacati
• Ricordati che non puoi fare diagnosi o
dare le condizioni di salute; tranquillizzali
rinviandoli per le condizioni cliniche al
medico di pronto soccorso
Slide 22 - Ver. 2.0
I parenti delle vittime
• Se sai già di ripartire in “urgenza” avvisali e
raccomanda loro di non seguire l’ambulanza
mettendo a repentaglio la loro vita.
• Se tra gli astanti ci sono bambini fai in modo
che vengano allontanati da un parente.
• Il familiare potrebbe fornire informazioni
utili sulla vittima (ampia)
Slide 23 - Ver. 2.0
Aiuto psicologico al
soccorritore
Ci sono fattori che possono causare una
situazione di stress nel soccorritore al
punto da rendere necessario un
supporto psicologico per esternare,
capire e risolvere la situazione prima
che possa diventare una condizione
“grave”
Slide 24 - Ver. 2.0
Cause principali di stress
psicologico
• Morte del lattante o del bambino
• Incidenti con molteplici feriti (stragi in
autostrada ecc.)
• Incidenti con pazienti mutilati e/o decapitati
• Incidenti e/o malori con familiari amici o
colleghi coinvolti
Slide 25 - Ver. 2.0
Stress psicologico
Cosa Faccio?
• Al termine di eventi particolarmente gravi
e/o importanti sarebbe opportuno effettuare
un debriefing con personale competente.
•L’analisi delle varie fasi del soccorso, può
aiutare ad evidenziare i fattori di stress e ad
intervenire sull’eventuale demotivazione
provocata al soccorritore.
Slide 26 - Ver. 2.0
SPAZIO ALLE DOMANDE
A cura di:Sabrina Rossi, Maurizio Capelli, Alessandro Teveri