Salvatore Geraci Area sanitaria Caritas Roma

download report

Transcript Salvatore Geraci Area sanitaria Caritas Roma

Incontro
Coordinamento
Migrantes Piemonte e
Valle d’Aosta
17 febbraio 2011
La salute e gli
immigrati
Salvatore Geraci
Area sanitaria Caritas Roma
Società Italiana di Medicina delle Migrazioni
Rivolgersi alla salute dei migranti non è
solo una giusta causa umanitaria, ma è
anche un bisogno per il raggiungimento
di un miglior livello di salute e
benessere di tutti coloro che vivono in
Europa ...
Conclusioni della Conferenza di Lisbona
Presidenza Portoghese del Consiglio dell’Unione Europea, 2007
Tutti i recenti
documenti
elaborati
in Europa
parlano di
politiche per
immigrati nei
termini di:
•Salute in tutte le politiche
•Health Impact Assessment
(HIA)
Osservatorio Italiano
Salute Globale
Società Italiana di
Medicina delle Migrazioni
Salute Globale:
una chiave di lettura
dei temi sanitari legati
all’immigrazione
Salute Globale:
una chiave di lettura
Osservatorio Italiano
Salute Globale
Società Italiana di
Medicina delle Migrazioni
È la consapevolezza che la salute
costituisce uno dei beni più intimi
e vitali delle persone ed è al
tempo stesso un bene indivisibile
per l’umanità.
Come l’ambiente, il clima, la sicurezza, la pace.
parole chiave:
equità, differenze, disuguaglianze
Equità
•Ogni persona dovrebbe avere
l’opportunità di raggiungere il suo
pieno potenziale di salute.
•Un sistema di salute equo non
mira ad eliminare le differenze,
ma a ridurre le diseguaglianze.
… dare a tutti pari opportunità …
Le differenze nella salute
•Gli esseri umani differiscono
nella salute, come in ogni altro
attributo. Certe differenze
sono inevitabili, e anche
necessarie. Altre dipendono da
scelte libere. Altre no.
Disuguaglianze nella
salute
•Il termine disuguaglianza ha una
dimensione morale ed etica.
•Si riferisce a differenze evitabili e
non necessarie, quindi ingiuste.
… ha anche una dimensione politica,
ad esempio accesso e fruibilità
Diritto di
II generazione
Diritto di
I generazione
Diritto alla assistenza sanitaria
Organizzazione
Diritto alla tutela
dell’assistenza
della salute
Costituzione
Legge 833 del
Italiana
1978
Istituzione del SSN
Il passaggio dal Diritto enunciato alla quotidianità è
condizionato da vari fattori: … situazioni socioeconomiche, scelte politiche-programmatiche, capacità
di organizzazione dei cittadini per dar voce ai propri
diritti, ...
S. Geraci, 1997
Il principio ispiratore
l’Art. 32 della nostra Costituzione
“La Repubblica tutela la salute come
fondamentale diritto dell’individuo e
interesse
della
collettività,
e
garantisce
cure
gratuite
agli
indigenti.
Nessuno può essere obbligato a un
determinato trattamento sanitario se
non per disposizione di legge.
La legge non può in nessun caso
violare i limiti imposti dal rispetto
della persona umana”.
Società Italiana di Medicina delle Migrazioni
Il principio ispiratore
“garantito ad ogni persona come un diritto costituzionalmente
condizionato all'attuazione che il legislatore ne dà attraverso il
bilanciamento dell'interesse tutelato da quel diritto con gli altri
interessi costituzionalmente protetti” (C. Cost. 267/98, 247/92,
218/94, 304/94, 455/90)
Introduce un diritto fondamentale della persona e di
interesse per la collettività. Condizionato?
“va garantito il nucleo irriducibile del diritto alla salute protetto dalla
Costituzione come ambito inviolabile della dignità umana, il quale impone
di impedire la costituzione di situazioni prive di tutela, che possano
appunto pregiudicare l'attuazione di quel diritto” (C.Cost. 267/98,
309/99, 509/00).
Il diritto alla salute non subisce limitazioni fondate sulla
cittadinanza e sullo status giuridico.
Con riferimento ai diritti spettanti al non cittadino: lo straniero è
“titolare di tutti i diritti fondamentali che la Costituzione riconosce
come spettanti alla persona” (C. Cost. 148/08).
Immigrazione in Italia:
storia del diritto all’assistenza per tutti
4500
Società Italiana di Medicina delle Migrazioni
4000
Risposta assistenziale
e di ricerca spontanea
3500
3000
2500
2000
1500
1000
500
20
01
20
02
20
03
20
04
20
05
20
06
20
07
20
08
19
94
19
95
19
96
19
97
19
98
19
99
20
00
19
86
19
87
19
88
19
89
19
90
19
91
19
92
19
93
0
Nostra elaborazione su dati Istat 2009 - SIMM
Società scientifica che ha
come finalità garantire
accesso e fruibilità ai servizi
sanitari dei cittadini
migranti
850 soci in tutta Italia in
punti “strategici” come
osservazione ed impegno
la conoscenza e la
formazione e come elementi
necessarie
all’integrazione reciproca e
come strada maestra per la
fruibilità
Ogni due anni una Consensus
Conference sui temi sanitari
dell’immigrazione
Si conclude con
raccomandazioni operative,
valutazioni di politiche
sanitarie e proposte di azione
www.simmweb.it
Immigrazione in Italia:
storia del diritto all’assistenza per tutti
4500
Società Italiana di Medicina delle Migrazioni
4000
Risposta assistenziale
e di ricerca spontanea
Organizzazione in rete
e proposta di politica sanitaria
3500
3000
2500
2000
1500
1000
500
20
01
20
02
20
03
20
04
20
05
20
06
20
07
20
08
19
94
19
95
19
96
19
97
19
98
19
99
20
00
19
86
19
87
19
88
19
89
19
90
19
91
19
92
19
93
0
Nostra elaborazione su dati Istat 2009 - SIMM
Sull’immigrazione, in Italia
politiche sanitarie inclusive
Dal 1995 l’Italia ha scelto “politiche
sanitarie inclusive” in un’ottica di tutela
sanitaria senza esclusioni ….
Ciò ha avuto l’espressione più alta nelle
normative, tuttora in vigore, emanate con
la legge 286 del 1998 e documenti
collegati.
Immigrazione in Italia:
storia del diritto all’assistenza per tutti
Organizzazione in rete
e proposta di politica sanitaria
4500
3500
Organizzazione
di un corpo giuridico
inclusivo
3000
2500
2000
1500
1000
500
20
01
20
02
20
03
20
04
20
05
20
06
20
07
20
08
19
94
19
95
19
96
19
97
19
98
19
99
20
00
19
86
19
87
19
88
19
89
19
90
19
91
19
92
19
93
0
Nostra elaborazione su dati Istat 2009 - SIMM
Società Italiana di Medicina delle Migrazioni
4000
Risposta assistenziale
e di ricerca spontanea
L’impianto normativo attuale
Legge 6 marzo 1998, n. 40 (Legge “Turco-Napolitano)
Disciplina dell’immigrazione e norme sulla condizione dello straniero
Articoli sanitari: 32, 33 e 34
D.Lgs. 25 luglio 1998, n. 286
Testo Unico delle disposizioni concernenti
la disciplina dell’immigrazione e norme sulla condizione dello straniero
Articoli sanitari: 34, 35 e 36
D.P.R. 31 agosto 1999
Regolamento recante le norme d’attuazione del Testo Unico ...
Articoli sanitari: 42, 43 e 44
Circolare Ministro Sanità n°5 del 24 marzo 2000
Indicazioni applicative del Decreto Legislativo 25 luglio 1998, n. 286
Società Italiana di Medicina delle Migrazioni
L’impianto normativo attuale
È stato costruito un corpo
giuridico coerente e moderno con
una chiara volontà di inclusione
ordinaria degli stranieri nel
sistema di tutela della salute di
tutti i cittadini e di intercettare il
bisogno e la domanda
di salute anche dei soggetti
ai margini del sistema.
Salvatore Geraci, Roma 2000
Motivi della presenza
stranieri inizio 2010
Circa 97%
SSN
Circa 3 milioni di occupati
45% donne
Salvatore Geraci, Roma 2010
Testo Unico - Regolamento d'Attuazione - Circolare Ministeriale
D.Lgs. 25 luglio'98, n°286 - D.P.R. 31 agosto'99, n°394 - n°5 del 24 marzo'00
Principali indicazioni previste
Ampliamento delle garanzie di assistenza per gli
Stranieri Temporaneamente Presenti
(irregolari e clandestini)
Garanzia di cure ospedaliere e ambulatoriali per urgenze,
malattie essenziali, medicina preventiva e riabilitativa
Particolare tutela per donne e minori
Attenzione alle malattie infettive ed alla profilassi
internazionale
Divieto di segnalazione all'autorità prefettizia dell'irregolare
che ha usufruito di una prestazione sanitaria
Salvatore Geraci, Maurizio Marceca, Roma 2000
La Medicina delle Migrazioni
oggi
AUMENTO ACCESSIBILITA’
Riduzione differenza indicatori salute materno infantili
Aumento ricoveri in DH
Riduzione tassi AIDS, riduzione ricoveri tb e stabilizzazione tassi...
AUMENTO FRAGILITA’ SOCIALE
Forte incidenza incidenti sul lavoro (anche mortali) 16,7%
Tassi IVG 3-5 volte maggiori delle italiane
Alta percentuale di ricoveri impropri ...
TRANSIZIONE EPIDEMIOLOGICA
da malattie acute a cronico-degenerative
Salvatore Geraci, Roma 2009
Immigrazione in Italia:
storia del diritto all’assistenza per tutti
Organizzazione in rete
e proposta di politica sanitaria
4500
3500
3000
2500
2000
500
19
86
19
87
19
88
19
89
19
90
19
91
19
92
19
93
0
Advocacy
Empowerment
20
01
20
02
20
03
20
04
20
05
20
06
20
07
20
08
1000
19
94
19
95
19
96
19
97
19
98
19
99
20
00
1500
Nostra elaborazione su dati Istat 2009 - SIMM
Società Italiana di Medicina delle Migrazioni
4000
Organizzazione
di un corpo giuridico
inclusivo
Risposta assistenziale
e di ricerca spontanea
I m m i g r a z i o n e
&
s a l u t e
P O L I T I C H E
PER LA SALUTE DEGLI IMMIGRATI
Politica
sull’immigrazione
e asilo
Legislazione “esclusiva”
Politica
locale sull’integrazione
e di di welfare
Politiche
Nazionali
Sicurezza
Politica
sull’assistenza
sanitaria
Legislazione “concorrente”
Iniziative locali
di “sicurezza”
Società Italiana di Medicina delle Migrazioni
Leggi locali sull’immigrazione
legge abrogata
Nessuna legge presente
Emanata prima del 1998
Emanata tra il 1999 e il 2005
Emanata tra il 2006 e il 2010
legge
impugnata
“inutilmente”
Piani triennali o annuali sull’immigrazione
Piani sanitari o socio-sanitari locali
Delibere, determine, note e circolari
Oltre 700 atti
legge
Impugnata
“inutilmente”
Atti normativi locali sull’assistenza ai
(neo)comunitari senza copertura sanitaria
Atto più restrittivo
delle indicazioni
ministeriali del 2008
Assenti
Codice CSCS
Comunitario senza
copertura sanitaria
Presenti (riferimento
ai neocomunitari)
Presenti (riferimento
ai comunitari)
Codice ENI
Europeo non iscritto
Codice STP
Straniero
Temporaneamente
Presenti
* Codice non specificato nell’atto
** Rilasciato 1 solo codice ENI
**
Codice CTA
Comunitario
temporaneamente
assistito
Solo trasmissione
delle indicazioni
ministeriali del 2007
*
Codice ENI
Europeo non in regola
2008 - 2009
Osservatorio sulle Politiche sanitarie locali per immigrati e romanì
Dichiarazioni delle
Regioni contro
l’abrogazione del
“divieto di
segnalazione”
9.02.09 - 20.04.09
Area Sanitaria Caritas Roma,
2009
Osservatorio sulle Politiche sanitarie locali per immigrati e romanì
Circolari/note
per confermare
il “divieto di
segnalazione”
9.07.09 - 28.10.09
Area Sanitaria Caritas Roma,
2009
2010
ANSA - TRIESTE, 23 NOV - Il Consiglio regionale
del Friuli Venezia Giulia ha respinto un
documento della Lega Nord che chiedeva
l'introduzione, a livello nazionale, dell'obbligo di
segnalazione degli stranieri irregolari alle
autorita' competenti anche in ambito sanitario. Il
voto - 11 favorevoli, 28 contrari e 7 astenuti
28 novembre 2010
La tutela sanitaria
degli immigrati
La
fase
dell’esclusione
L’altro ieri fino al decreto Dini - 1995
ieri
La fase dell’accesso
fino al Progetto Obiettivo
(che c’era ma non c’è mai stato)
oggi La fase dell’arroganza
politica del gambero; della sicurezza; del
regionalismo
domani
La fase delle disuguaglianze
o … la fase delle fruibilità
Salvatore Geraci, Roma 2010
Progetto “MIGRAZIONE E SALUTE”
Promosso e finanziato dal Ministero della Salute
Coordinato dall’Istituto Superiore di Sanità
Unità Operativa 3: Analisi delle
Area sanitaria Caritas di Roma
politiche locali per
la promozione e la
tutela della salute
degli immigrati
Obiettivo specifico:
Analizzare in modo
comparativo le politiche
regionali (attraverso atti
formali) circa la salute
degli immigrati ed
individuare le politiche più
adeguate
Progetto “MIGRAZIONE E SALUTE”
Promosso e finanziato dal Ministero della Salute
Coordinato dall’Istituto Superiore di Sanità
Unità Operativa 3
Area sanitaria Caritas di Roma
Obiettivo specifico:
Analizzare in modo
comparativo le politiche
regionali (attraverso
atti formali) circa la
salute degli immigrati
ed individuare le
politiche più adeguate
Costruzione Indici
confrontabili nel
tempo e nello spazio
Progetto “MIGRAZIONE E SALUTE”
Unità Operativa 3
Analisi politiche locali
Linee guida
(variabile 1)
• Se presenti direttive
ufficiali volte a fornire
chiarimenti sulla normativa
nazionale e locale per
uniformarne l’applicazione
all’interno dei servizi sanitari
Assente
Cenni
Approfondita
Progetto “MIGRAZIONE E SALUTE”
Unità Operativa 3
Analisi politiche locali
Se legge e piano
immigrazione
non fossero stati
abrogati, sarebbe
approfondita
Analisi del bisogno
(variabile 2)
• Se previsti strumenti per
Assenti
Presenti alcuni strumenti
Presente anche osservatorio
monitorare in maniera
sistematica il bisogno di salute
degli immigrati, inclusa la
presenza di un osservatorio
regionale per l’analisi
complessiva del fenomeno
migratorio sul proprio
territorio
Progetto “MIGRAZIONE E SALUTE”
Unità Operativa 3
Analisi politiche locali
Prevenzione e
promozione
della salute
Se legge e piano
immigrazione
non fossero stati
abrogati, sarebbe
approfondita
(variabile 3)
• Se previste azioni di
prevenzione rivolte agli
immigrati o interventi di
promozione della salute
che possano incidere sui
determinanti di salute
• Due settori chiave: salute
materno-infantile e salute
nei luoghi di lavoro
Non prevista
Cenni
Approfondita
Progetto “MIGRAZIONE E SALUTE”
Unità Operativa 3
Analisi politiche locali
Se legge e piano
immigrazione
non fossero stati
abrogati, sarebbe
approfondita
Formazione
(variabile 4)
• Se previste attività di
Non prevista
Cenni
Approfondita
formazione per il personale
sanitario sui temi della
salute degli stranieri, della
medicina delle migrazioni e
dell’approccio transculturale
e se presenti indicazioni per
realizzarle in maniera
efficace
Progetto “MIGRAZIONE E SALUTE”
Unità Operativa 3
Analisi politiche locali
Se legge e piano
immigrazione
non fossero stati
abrogati, sarebbe
approfondita
Mediazione
in sanità
(variabile 5)
• Se previsti meccanismi per
facilitare l’accesso e la
fruizione dell’assistenza
sanitaria agli immigrati,
dall’utilizzo di materiale
informativo multilingue,
all’introduzione dei
mediatori culturali nei
servizi, al riorientamento o
adeguamento organizzativo
e procedurale dei servizi
Non prevista
Cenni
Approfondita
Progetto “MIGRAZIONE E SALUTE”
Unità Operativa 3
Analisi politiche locali
Assistenza
irregolari
(variabile 6)
• Modalità con cui viene
garantita l’assistenza
agli immigrati non in
regola con le norme
relative al soggiorno
Bassa
Media
Alta
Progetto “MIGRAZIONE E SALUTE”
Unità Operativa 3
Analisi politiche locali
Atto più restrittivo
delle indicazioni
ministeriali del 2008
Assistenza ai
comunitari
Solo trasmissione
delle indicazioni
ministeriali del 2007
(variabile 7)
• Direttive specifiche per
garantire l’assistenza ai
comunitari sprovvisti di
copertura sanitaria
Assente
Presente di trasmissione
Presente specifica
Variabili per la valutazione politiche
locali e calcolo indici sintetici
V1
linee guida
V2
analisi del bisogno
V3
prevenzione e promozione della salute
V4
formazione
V5
mediazione in sanità
V6
assistenza agli irregolari
V7
assistenza ai comunitari
Metodo riduzione spazio attributi/combinazione delle variabili
V4
V1
V2
A
V3
V6
V7
B
V5
C
D
Indice sintetico
Progetto “MIGRAZIONE E SALUTE”
Unità Operativa 3
Analisi politiche locali
Gruppi
Immigrazione e Salute
- GrIS -
Impatto delle politiche
Un limite da tenere presente
Analisi fatta sugli atti formali
Unità territoriali della
Società Italiana di
Medicina delle Migrazioni
www.simmweb.it
Ambiti locali con atti significativi
nella realtà possono avere
significative criticità
Realtà locali con scarsa e poco
significativa produzione formale,
possono avere nella prassi una
attenzione ed una organizzazione
adeguata
GrIS attivi
GrIS in fase di costituzione
Nessun GrIS
Indice sintetico
sul livello di avanzamento
delle politiche sanitarie locali
Se legge e piano
immigrazione
non fossero stati
abrogati, sarebbe
alto
Basso
Medio
Alto
Indice di impatto
delle politiche sanitarie locali
Se legge e piano
immigrazione
non fossero stati
abrogati, sarebbe
ottimo
Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Scarso
Minimo
Documentazione su
www.simmweb.it
Invito ad aggiornarci
costantemente
[email protected]
... le misure sanitarie per i migranti che
siano ben gestite, inclusa la salute pubblica,
promuovono il benessere di tutti e possono
facilitare l’integrazione e la partecipazione
dei migranti all’interno dei Paesi ospitanti
promuovendo l’inclusione e la comprensione,
contribuendo alla coesione, aumentando lo
sviluppo.
Dichiarazione di Bratislava a conclusione
dell’8a Conferenza dei Ministri Europei della Salute, 2007
… affinché vengano
riconosciuti,
riaffermati e
promossi ad ogni
livello, dai singoli,
dalla comunità
e dalle istituzioni,
diritti e dignità di
tutti,
senza nessuna
esclusione.
INFORMAZIONI:
http://master.idente.net/
Grazie per
l’attenzione
Tel. 06.4454791
[email protected]
www.simmweb.it