I sacrifici dell`antico testamento

download report

Transcript I sacrifici dell`antico testamento

Giovanni 5:39-40 “Voi investigate le Scritture, perché pensate che per mezzo di esse vita eterna. Queste sono le Scritture che rendono testimonianza di me, ma voi non volete venire a me per avere la vita.” Antico Testamento, come un gioco ....

Prefigurano: un oggetto, evento, persona o situazione che sta per qualcosa di simile, ma di maggiore importanza nel futuro. Prefigurano: Una cosa particolare che sta per un'altra cosa specifica simile a quella in futuro.

Tipo e Antitipo: Una persona o una cosa considerata come il simbolo di qualcuno o qualcosa che deve ancora apparire

Prefigure storiche

 Corinzi 10:11 Queste cose accaddero a loro come esempio e sono state scritte come avvertimenti per noi, sul quale l'adempimento dei secoli è giunta.

Un piccolo esempio: Numeri 21:4-9.

 Un esempio più grande: Genesi 22

Modello del Tabernacolo Ebrei 8:1-6

Tipo/Antitipo in relazione al tabernacolo Oggetto nel taberbacolo Antitipo nella nuova alleanza Referenze nella scrittura Il tabernacolo stesso Dimora di Dio col suo popolo Gv 14:1-3, Gv 1:14J. Apoc 1:13 L’altare di bronzo sacrifici.

Il bacino/lavacro dei Il sacrificio di Cristo per i peccati battesimo Eb 9:14 Tito 3:5 L’esposizione del pane Il candelabro Il pane della vita Gesù Lo Sprito Santo Gv 6:48-51 Zaccaria 4:1-6 Apocalisse 5:8 L’altare d’incenso Il filo scarlatto La cortina blu, L’arca di convegno porpora, Il propiziatorio I Cherubini Le preghiere dei santi I cieli, la regalità di Dio il sangue di Gesù Separazione da Dio La presenza di Dio La grazia di Dio Gli angeli in cielo Mat 27:51 Salmo 132:7,8 Ez 10:15-22

Il primo sacrificio

Dal principio l’uomo godeva comunione diretta con Dio, non c’era bisogno di offrire alcun sacrificio.

Dopo la caduta divenne una necessità.

Primo riferimento biblico ad un sacrificio in Gen 3:21 il testo non dice che dio stabilì espressamente il sacrificio, ma lo lascia intuire. Il Signore insegnò in concreto la necessita del sacrificio compiendo Egli stesso il primo.

La prima offerta

Le prime offerte furono quelle di Caino ed Abele Gen 4: 3-5 Dio rifiuta l’offerta di Caino ed accetta quella di Abele che per fede av eva presentato un offerta più eccellente Eb 11:4 e 9:22

I sacrifici prima della legge

Noe’ Gen 8: 20-21 Giobbe 1:5 Abramo gen 12: 7-8 Isacco e giacobbe Gen 23 : 23-25 e gen 35:7

Giacobbe offrì un sacrificio prima di scendere in Egitto dopodichè per i quattrocento anni di schiavitù in Egitto non si hanno più sacrifici/doni al Signore.

Fino a che Mosè detto’ la legge dal Sinai e ricominciarono i Sacrifici Es 24 : 4-8

Dal momento della costruzione del tabernacolo il sacrificio di sangue offerto sull’altare fu l’unico mezzo per avvicinarsi a Dio.

Tipi di sacrificio

Olocausto lev 6: 1-6 Oblazione lev 6:7-16 Sacrificio di riconoscenza lev 7:11-21 e 28-36 Sacrifico per il peccato lev 6:17-23 Sacrificio per la colpa lev 7: 1-7

doni/offerte/sacrifici di odor soave

L’offerta bruciata

olah

Leviticus 1

L’offerta di grano

minchah

Leviticus 2

Le offerte di bevande

nesek

Leviticus 23

Le offerte di riconoscenza

shelem

Lev 3

SACRIFICI DI ODOR SOAVE

SACRIFICI DI SANGUE I Sacrifici Tipo e Antitipo A. T.

SACRIFICI L’OFFERTA BRUCIATA L’OFFERTA DI GRANO OFFERTA DI BEVANDE IL SACRIFICIO DI RICONOSCENZA IL sacrificio espiatorio Il sacrificio di riparazione ADEMPIMENTO NEL NT Gesù e la sua devozione a Dio Dare a Dio le nostre benedizioni Versare la nostra vita per Dio Celebrare le nostre offerte a dio SCRITTURE EFES 5:1,2 Romani 12:1,2 Matt 6:19-21 Romani 8,9 Luca 22:20 Filip 2:16 Gv 10:10 1 Tess 5:16

Sacrificio di Gesù 'per i nostri peccati

I rapporti l’un l’altro 1 Pietro 1:18,19 2 Cor 5:21 Matt 5:23,24

Le offerte bruciate Levitico 1 caratteristiche generali dei sacrifici

     

Animali maschi solo raramente femmine Mal 1:14 Senza difetto Deut 15:21- 22 1 Piet 1:19 si faceva eccezione solo per I sacrifici volontari Nel presentare il sacrificio l’israelita doveva far valere il principio la parte migliore e del Signore .

La vittima sacrificale apparteneva tutta al Signore e solo dopo che egli accettava un parte del tutto poteva averne anche l’uomo.

La parte che andava a Dio veniva bruciata interamente o collocata simbolicamente sull’altare e poi data ai Sacerdoti per mangiarne Porre le mani sugli animali (identificarsi con essi)

Modalita’ dei Sacrifici

    Gli atti dell’offerente Portare la vittima nel cortile Poggiare le mani sul capo identificandosi con l’animale Uccidere la vittima (solo nelle occasioni solenni 2 Cr 29:24 lo facevano i sacerdoti)    Gli atti del sacerdote Raccoglieva il sangue che andava sparso sui 4 angoli dell’altare e sulla base Bruciava interamente la vittima solo negli olocausti altrimenti ne bruciava grasso dei reni, fegato e cavità addominale che come il sangue apparteneva a Dio

L’offerta bruciata (olocausto)

La prima offerta descritta in levitico è l’olocausto La vittima bruciava per intero Deriva il nome da olah cioè salire (difatti era un salire di odor soave a Dio) Permetteva di ottenere il favore del Signore lev 1:3 e cioè di accostarsi a lui sapendo di essergli gradito per questo la legge richiedeva che fossero spontanei lev 1:2 e quotidiani es 29:38 42 Ci parla della completa e volontaria consacrazione di Cristo il quale ha dato se stesso affinchè l’uomo compaia davanti a Dio in modo gradito Gv 14: 6 e Ebrei 10:5-10 Anche I credenti Romani 6:11 e Rom 12:1

L’offerta

bruciata (olocausto

Gesù ha offerto un olocausto: Efesini 5:1-2

Dio ci chiama ad offrire un olocausto Romani 12:1-2 in vista della misericordia di Dio

Isaia 6:8 eccomi manda me

Quale destinazione avra’ sull’altare?

L’offerta dell’olocausto

   Maschio e senza difetto A seconda delle possibilita’ tori, agnelli, capretti, i più poveri piccioni o tortore Il signore voleva che ognuno offrisse qualcosa che gli costasse   Un ricco non poteva portare l’offerta di un povero offendendo Dio Anche oggi Dio vuole che si offra con cuore allegro 1 Cor 16:1,2 e 2 Cor 9:7 La farina dell’oblazione veniva bruciata e il vino della libazione sparso ai piedi dell’altare.

L’offerta

di grano (oblazione)

Dare la prima parte dei frutti che Dio ci ha provveduti,segno di gratitudine dall’ebraico minchah=dono

NON VOLONTARIO.

   

Il Grano frutto del lavoro L’olio lo Spirito Santo L’incenso la preghiera Il Sale il segno del patto fra Dio ed Israele (il sale preserva così Dio e gli uomini s’impegnano PRESERVARE il patto)

 

Non lievito!!!1 Cor 5:6-8 Non miele (segno di mondanità) Prov25:16, 27

L’offerta

di grano (oblazione)

1) Il fior di farina fine, puro, bianco, non cotto intriso d’olio e accompagnato da incenso  La farina andava schiacciata e macinata e setacciata molte volte prima di considerarla adatta Figura di Cristo perfetto sotto ogni aspetto e passato attraverso prove e tentazioni 2) Focaccia azzima cotta su forno,graticola o padella  Figura delle sofferenze di Cristo Eb 2.10

3) La primizia del grano spighe tostate sul fuoco e chicci di grano nuovo tritati.

Il primo figura di Cristo passato per il fuoco della prova Is 53:3 Il secondo le sue flagellazioni e battiture Matt 27:30 Il terzo ricordano che egli è la primizia di coloro che sono risuscitati dai morti 1 Cor 15:20-23

L’offerta del grano

 

Applicazione: il nostro contributo a Dio 2 Cor 8,9

Per noi il 10% non è obbligatorio ma è offrire un sacrificio

Malachia 3:7-10

 

Matteo 5:20 Rappresenta il ministerio la vita perfetta che hanno Accompagnato il sacrificio di Cristo

L’offerta di liquidi(libagione)

Bevanda sparsa sull’altare

Applicazione: versare la nostra vita sull’altare

Di solito data con l’offerta di grano

Applicazione: diamo la nostra decima ma Dio vuole che ci doniamo per lui

Le offerte di liquidi

Gesù ha offerto una libazione Luca 22:20

Paolo ha dato una libazione Fil 2:16-17

2 Tim 4:6,7

Aggeo 1:3 che cosa vogliamo risparmiare?

La gioia più grande viene dal dare una libazione.

L’offerta del sacrificio di azioni di grazie

Tempo di festa !!!!! Celebrate le benedizioni di Dio.

Volontaria

Offerta votiva Levitico 7: 11-16

Per le benedizioni sperate

Offerta di ringraziamento Levitico 7:11-15

Benedizioni già ricevute.

Offerta libera Levitico 22:23

Ringraziamento per le benedizioni in generale

L’offerta per il sacrificio di azioni di grazie

Applicazione I Tess 5:16-18

Rallegratevi sempre (offerta di libera volontà)

Pregate sempre (offerta votiva)

Ringraziare Dio in ogni circostanza (offerta di azioni di grazie)

Posta al primo posto dell’olocausto

Sacrifici di sangue

Il sacrificio espiatorio

chatat

Per I peccati contro Dio Levitico 4

Il sacrificio per la colpa

asham

Levitico 5

Per le offese contro un compagno ebreo

Ebrei 9:13-14

Nessun sacrificio per il peccato volontario! Levitico 4:1 (Eb 10:26)

Il sacrificio espiatorio Lev 4:1-5:13

Toro senza macchia o capra (come Gesù)

Venivano poste le mani sull’animale indicando che le colpe commesse venivano prese in carico dall’animale (Dio ha posto I nostri peccati su Gesù alla croce) Isaia 53:6

Il colpevole uccideva l’animale ( noi abbiamo ucciso Gesù) Matt 27:25

Il sangue veniva sparso sull’altare nonchè sulla tenda

Il corpo bruciato fuori dal campo(come Gesù) Eb 13:11-13

L’offerta per la colpa Lev 5:14-6:7

Solo per i reati di individui non di gruppi

Il colpevole prima di offrire il sacrificio deve riparare al torto (Matteo 5:23-24)

Ma ….

Dio vuole che noi siamo fiduciosi Eb 10:19-22

Un sacrificio migliore Ebrei 9:23 Era dunque necessario che le cose raffiguranti quelle nei cieli fossero purificate con questi mezzi, ma le cose celesti stesse doveano esserlo con sacrifici più eccellenti di questi.

Il sacrificio minore: Tori, capri, esterno (apparenza) Il sacrificio maggiore: Gesù Interno (realtà) Temporanei, ripetuti molte volte Cerimoniale Eterno, offerto una sola volta Reale involontario volontario

Il sacrificio della giovenca rossa cosa prefigura Num 19

Il sacrificio della giovenca rossa Il sacrificio di Gesù Era rarissima la giovenca rossa Sacrificio realizzato fuori del campo (sul monte degli ulivi) Per purificare sia I giudei che I gentili Un figlio unico Sacrificio realizzato fuori del campo (sul monte degli ulivi) Per purificare e giudei e gentili Un sacrificio senza macchia (nemmeno un capello nero!) Mai aggiogata (volontaria, senza peccato) Stoffa scarlatta e legno Un sacrificio senza macchia Sacrificio volontario senza colpa Sangue e legno ( Gesù alla croce) Issopo purificazione dalle infezioni Purificazione dall’infezione del peccato Combina ceneri di sacrificio con l'acqua per la purificazione.

Combina il sangue di Gesù con il battesimo della purificazione

Feste del primo patto come tipi Feste giudaiche Pasqua ebraica(

pesach

) La festa delle primizie Festa dei pani azzimi Festa delle settimane/Pentecoste (

shavoat

) La festa delle trombe(

rosh hashanah

) Il giorno dell’espiazione(

yom kippur

) Festa delle capanne (Tabernacoli) Antitipo nella vita cristiana La morte sacrificale di Gesù Cristo La resurrezione di Gesù Cristo Celebrare l’essere liberi dal peccato nella nostra vita Il dono dello Spirito Santo e l’inizio della Chiesa Il giorno del giudizio, il ritorno di Gesù Il giorno in cui siamo stati salvati/compleanno spirituale Celebra la vita futura che faremo in comunione con Dio

 Sotto sentenza di morte  Agnello Pasquale puro e senza macchia (1 Cor 5:7-8)  Il sangue spuzzato sugli stipiti delle porte.

 Un ricordo della salvezza dalla morte  Un ricordo della salvezza dalla schiavitù  Nessun osso rotto  Rimuovere tutto il lievito (1 Cor 5,7)  La terza coppa: la coppa della redenzione

 Un presagio del ritorno di Gesù • Matt 25:30-31, I Tess 4:13-14 il suono della tromba.

 Un presagio del giorno del giudizio  I rabbini stanno svegli tutta la notte in modo da essere preparati

Il capro sacrificale ed il capro che viene lasciato libero.

Peccati per I quali il capro sacrificale viene ucciso al di fuori del campo.

Prefigura la salvezza in Cristo.

 Una festa del raccolto quando non c'era raccolto.

 Una promessa di un futuro raccolto.

 Un presagio della risurrezione finale.

 Una prefigura della risurrezione di Gesù.

 Coll 1:18 Il primo nato tra i morti.