fondo ingegneria finanziaria por fesr 2007 * 2013

download report

Transcript fondo ingegneria finanziaria por fesr 2007 * 2013

FONDO INGEGNERIA FINANZIARIA POR FESR 2007 – 2013

ASSE I – RICERCA, INNOVAZIONE E RAFFORZAMENTO DELLA BASE PRODUTTIVA ASSE II – AMBIENTE E PREVENZIONE DEI RISCHI 1

PERCHE’ LO STRUMENTO DI INGEGNERIA FINANZIARIA

Volontà regionale di ricorrere a

strumenti maggiormente market oriented

, non

distorsivi della concorrenza, più auto-selettivi ed efficaci

 Crisi finanziaria globale, difficoltà di approvvigionamento e criticità per l’erogazione di finanziamenti a medio-lungo termine da parte delle banche commerciali nei confronti delle PMI  Necessità di affiancare allo schema dei fondi di garanzia ulteriori strumenti basati sulla provvista pubblica, specie se affiancata a risorse BEI Fondo di Ingegneria Finanziaria Fondo d’ingegneria finanziaria 2

LA DOTAZIONE DI RISORSE

Il Fondi d’Ingegneria Finanziaria nasce con una dotazione di natura

mista pubblico/privata

di € 250.000.000 totali, derivante da risorse:

Programma Operativo FESR Lazio 2007-13 € 100.000.000,00 Intermediari finanziari da selezionare € 150.000.000,00 con possibilità per gli intermediari finanziari di ricorrere ad un prestito BEI di € 100.000.000 già deliberato per l’operazione su iniziativa della Regione

Fondo di Ingegneria Finanziaria 3

IL FONDO E LE PROCEDURE PER L’ATTUAZIONE

 La D.G.R. 360/2011 affida la gestione del fondo a Sviluppo Lazio, quale Organismo intermedio  Sviluppo Lazio seleziona con Bando di Gara gli intermediari finanziari che attueranno gli interventi  Gli intermediari finanziari aggiudicatari gestiranno le domande di finanziamento delle PMI, le istruttorie e l’erogazione dei finanziamenti, con procedure concordate ma autonome  Sviluppo Lazio definirà e comunicherà i provvedimenti agevolativi sulla quota interessi dei fondi pubblici Fondo di Ingegneria Finanziaria 4

IL BANDO DI GARA

Sviluppo Lazio ha indetto una gara con procedura aperta per l’affidamento dei servizi connessi alla gestione dello strumento

Importo complessivo massimo dell’appalto € 20.335.000

Durata 20 anni Termine ultimo per la presentazione delle offerte Ore 12,00 del 27-4-2012 Affidamento di n. 2 Lotti, pari rispettivamente al 60% e 40% dell’ammontare complessivo, a 2 istituti di credito Aggiudicazione sulla base di criteri di capacità economica e tecnica ed in funzione del prezzo più basso in termini di spread massimo applicato e di ribasso sul corrispettivo di gestione

Fondo di Ingegneria Finanziaria 5

FINALITA’ DEGLI INTERVENTI

Le misure che la Regione Lazio, tramite Sviluppo Lazio S.p.A., prevede di attuare con il Fondo d’Ingegneria Finanziaria sono

finanziamenti a lungo termine

, a tasso agevolato sulla parte pubblica, per le PMI.

Gli interventi sono distinti in due distinte categorie:

Misura Crescita Lazio 2020

Sostegno a progetti imprenditoriali innovativi ad elevato potenziale di crescita, connotati dalla presenza di investimenti, o spese immateriali per la competitività nella misura minima del 50% Stanziamento: € 125.000.000

Misura Ri-Innova

Sostegno a progetti di investimenti nel campo dell’efficienza energetica e della produzione di energia da fonti rinnovabili Stanziamento: € 125.000.000

Fondo di Ingegneria Finanziaria 6

SOGGETTI BENEFICIARI

Piccole e medie imprese, come da Reg. (CE) 800/2008

economicamente e finanziariamente sane

costituite anche in forma cooperativa

operanti in settori di attività ammissibili ai sensi del Reg. 1998/2006 de minimis, con limitate eccezioni indicate all’art. 2 del Capitolato-Contratto per Misura Crescita Lazio che realizzino un programma di sviluppo in una loro sede operativa nel Lazio per Misura Ri-Innova che realizzino un investimento l’efficienza energetica e la produzione da fonti rinnovabili nel Lazio

Fondo di Ingegneria Finanziaria 7

MODALITA’ DI CONCESSIONE DELLE AGEVOLAZIONI

 L’agevolazione è concessa sotto forma di

riduzione del tasso di interesse

sulla parte pubblica del finanziamento. Le agevolazioni sono calcolate in base ai massimali di aiuto   previsti dal Regolamento CE n. 1998/2006 (

de minimis

) espresse in ESL.

Ciascun finanziamento è concesso con una provvista del

Fondo POR

non superiore al

40%

e un apporto della

Banca

non inferiore al

60%.

I Prestiti sono concessi al

tasso «ordinario»

deciso dalla banca

, entro i massimali risultanti in sede di aggiudicazione,

sulla quota messa a disposizione dalla banca e dal Fondo POR, salvo la successiva riduzione del tasso su quest’ultimo in caso di  agevolazione Per la Misura

Crescita Lazio 2020

i finanziamenti avranno

durata

di

5 anni

, oltre un preammortamento compreso tra i 9 ed i 12 mesi, a decorrere dalla data della prima   erogazione, per la Misura

Ri-Innova

i finanziamenti avranno

durata

di

7 anni

, ovvero 15 anni per i soli investimenti in impianti fotovoltaici, oltre un preammortamento compreso tra i 9 ed i 12 mesi, a decorrere dalla data della prima erogazione.

E’ previsto, in generale, un «pari passu» tra fondi POR e fondi messi a disposizione dalle banche, ad esempio nelle garanzie richieste alle PMI e nel

rischio di mancata restituzione

dei finanziamenti da parte delle stesse.

Fondo di Ingegneria Finanziaria 8

TEMPI DI ATTUAZIONE Il fondo POR dovrà risultare erogato mediante prestiti ai beneficiari finali nelle seguenti misure:

al 31 marzo 2013 al 31 dicembre 2013 al 30 giugno 2014 al 31 dicembre 2014 almeno al 15% rispetto all’ammontare complessivo; almeno al 40%, rispetto all’ammontare per asse prioritario; almeno al 70%, rispetto all’ammontare per asse prioritario almeno al 90%, rispetto all’ammontare per asse prioritario.

Fondo di Ingegneria Finanziaria 9

CORRISPETTIVI I corrispettivi, che sono calcolati sulla quota POR assegnata, saranno

riconosciuti in funzione della:

 

capacità di erogare

i fondi in gestione

tipologia dei progetti selezionati

Start-up fee Management fee Success fee

Misura Crescita

Success fee

Misura Ri-Innova 0,07% per l’allestimento del servizio max 1% (base d’asta) per l’Investment Period 0,2% per il Disinvestment Period a) 0,1% ogni 10k € di valore mediano dei prestiti < 500k€ b) 10% su aumento base Irap rispetto a benchmark 8% su finanziamenti in operazioni di project financing ovvero 4% per finanziamenti non su impianti fotovoltaici